Per la prima volta con una trans

Non è facile mettersi in gioco per un uomo prepotentemente eterosessuale, mai stato a letto esclusivamente con un gay o un bisex passivo. Quelle poche volte che mi è capitato di scopare un uomo o di farmi fare un pompino, c’era sempre una femmina vicino a me. Quindi non sapevo che effetto mi avrebbe fatto andare da lei, una trans, anche se dalle foto i suoi tratti femminili si notavano benissimo. Mi difesi, sottolineai i dubbi, la mia incertezza, la paura di non poterla soddisfare pienamente. Non ci fu nulla da fare. Lei insisteva e insisteva. Le diedi il mio numero di cellulare, pensando che parlandole avrei potuto spiegarle meglio la situazione. Cominciò a telefonarmi quasi ogni sera, dopo cena. Aveva poco più di vent’anni e la sua voce tradiva la sua età seppur cercasse di indurirla un po’ con una sigaretta dietro l’altra. Mi attirava molto e al telefono mi eccitava, specie quando descriveva minuziosamente ciò che indossava e quale parte del suo corpo rimaneva nudo. Usava con maestria parole, pause, sospiri, modulazione di voce, tipici della seduzione femminile. Si masturbava per tutto il tempo, ma io non me n’ero mai accorto. Me lo disse candidamente una sera e col senno di poi capii il perché dei suoi improvvisi respiri affannosi e dei silenzi che duravano anche minuti interi. Mi chiese di vederci in cam. Non feci neanche finta di ragionarci su: mi piaceva l’idea. Un conto era aver dubbi su un incontro reale, un altro usare la cam per scoprire dettagli fino ad allora sconosciuti. Fu emozionante confesso: era seduta su un ampio divano rosa, senza spalliera, con un asciugamano intorno ai capelli, appena lavati, ed un lunga maglietta di cotone rosa. Dietro, ma vicino, c’era un ampio specchio che mi permetteva di vederle la nuca, la linea elegante della schiena e la schermata del suo portatile posato sul basso tavolo davanti a lei. Le gambe erano incrociate, come se stesse facendo yoga. Il viso era ben disegnato, il naso piccolo e ben proporzionato, il collo abbastanza alto e dalla maglietta leggera spuntava la forma di un seno con i capezzoli ritti. Le sue cosce erano magre e bianchissime. Gli occhi grandi e chiari, le labbra carnose ma non troppo, i denti bianchi e ben allineati. Ci salutammo con la mano e liberò i suoi capelli e sensualmente scosse la testa ai lati per farli cadere in ordine sulle sue spalle. Biondi. Erano biondi e non era una parrucca. Una improvvisa eccitazione si impadronì di me. Parlammo attraverso i microfoni di mille cose, anche del tempo, del caldo, della sua e della mia città. Si tolse, con un gesto lento, la maglietta e la vidi nuda, depilata, le spalle gentili e la vita stretta: sembrava davvero una magnifica donna. Forse fu proprio da quel momento che la considerai tale, ignorando il suo cazzo che, duro, con una cappella lucida, era bene in vista. Chiusi gli occhi, immaginai le sue labbra che me lo avvolgevano e la sua bocca che me lo ingoiava e sborrai come poche volte mi era accaduto: a lungo, copiosamente e, cosa più importante, sentendo chiaramente il cammino ansioso dello sperma che partiva dai miei coglioni e dopo aver attraversato tutto il cazzo schizzava, bianco e denso, dappertutto. Anche sullo schermo! Nei giorni successivi non mi chiamò ed io, ovvio comportamento maschile, non la chiamai. La voglia di lei però spingeva, quasi dolorosamente. Non contai le volte che mi masturbai pensando a lei: stava diventando una tentazione impossibile da evitare. Le mandai una decina di sms. Un sabato pomeriggio la chiamai. Dialogammo neanche un minuto, che finì con una sua risata dolce: stavo partendo per andare da lei. Il viaggio fu per certi versi terribile. Non ero sicuro di me e ad un certo punto pensai che forse sarebbe stato meglio uscire dall’autostrada e tornare indietro. Proprio in quel momento lei mi chiamò al cellulare. Io credo che solo chi ha una femminilità esagerata riesca ad avere quel sesto senso che le permette di chiamare, per rassicurarlo, un uomo che sta andando da lei, proprio nel momento in cui lui sta pensando di tornarsene a casa. Alla fine della telefonata, ero un altro. Pronto e ansioso di arrivare da lei. Entrai. Smontai dall’auto mentre lei usciva di corsa dalla porta della casa per volarmi fra le braccia e stringermi con le mani sul collo. Un profumo semplice, leggero e fresco mi assalì. Risposi all’abbraccio. Mi prese sottobraccio e mi fece entrare. Era bellissima la sua casa. Semplice e accogliente. Tutto, dalle pareti all’arredamento, era color pastello. Sapeva di serenità. Mi portò in cucina, dove bolliva dell’acqua. La sua voce non era maschile ma non era neanche del tutto femminile. Gradevole e gentile però. I suoi gesti erano deliziosi. Portava un abito corto, nero con un grande scollo, le calze a rete e le scarpe con il tacco alto. I capelli biondi e lisci. Il trucco leggerissimo e il rossetto sulle labbra. Rosa. Un culetto magnifico, di quelli che spiccano violentemente di profilo: alto, rotondo, sodo. In piedi, vicino al bollitore che ancora non dava segni di vita, mi chiese del viaggio, del traffico, della difficoltà di arrivare fin lì. Poi improvvisamente si avvicinò e si mise a sedere sulle mie ginocchia, allungò la mano verso il mio viso e con l’indice iniziò ad accarezzare le mie labbra. I suoi occhi chiari erano bellissimi, il suo profumo sembrava entrasse dentro di me e mi riempisse. Sentii qualcosa dentro, quasi una sensazione di pace. Aprì leggermente le labbra e mi baciò dolcemente, poi si alzò per prendere due tazze. Difficile spiegare che cosa sentivo. Mi sentivo più un innamorato che un uomo venuto fin qui per scoparsi una trans maledettamente sexy. Non avevo mai baciato un uomo ma incredibilmente non consideravo quello appena ricevuto un bacio di un uomo. Ma di una donna. E qualcosa dentro di me ormai la considerava tale, senza se e senza ma. Ero eccitatissimo. Quella dolcezza così palese aveva stravolto ogni mio pensiero. Mi alzai, le tolsi di mano le due tazze, chiusi il gas e affogai il mio sguardo nel suo. La abbracciai. Sorrise. La baciai. Dapprima piano per rubare il sapore delle sue labbra chiuse, poi la mia lingua le forzò ed entrò nella sua bocca umida. Ci mangiammo, ci succhiammo l’anima, ci scambiammo la saliva a lungo, senza quasi respirare. Non aveva alcuna importanza che il mio cazzo duro premesse contro il suo cazzo duro. Anzi era ancor più eccitante. Mi guidò nella sua camera camminandomi lentamente davanti, mentre la baciavo sul collo e con le mani mi ero appropriato dei suoi seni. I capezzoli erano straordinariamente grandi e ritti. Il suo culo mi si strofinava addosso. Bellissimo. Mentre tutta la casa era di color pastello, la sua camera era rossa e nera. Quasi a sottolineare che lì dentro comandava la passione, la voglia, la trasgressione. Ci ritrovammo nudi e abbracciati a letto, come un uomo e una donna che stanno per fare l’amore. I suoi baci erano assoluti, le sue dita conoscevano i segreti degli uomini, la sua pelle sembrava seta pura, liscia e vellutata. Sensibile. Fu lei a prendere ogni iniziativa. Era felice che fossi lì, ma non sapeva quanto lo fossi io. Succhiava la cappella con le labbra, ingoiava il mio cazzo facendolo sparire tutto dentro la sua bocca. E restava lì per farmi sentire che lei era mia che la stavo attraversando tutta e che il quel momento mi apparteneva totalmente. Morivo di piacere sotto di lei. Strusciava il suo corpo sul mio, mi mordeva piano i capezzoli, mi succhiava piano il collo, mi leccava con la lingua tutto il viso e mi baciava mentre i suoi capelli cadevano su di me per nasconderci dal mondo. La mia eccitazione non era di quelle usa e getta. Era invece più un’emozione costante e prolungata, di cui non si vedeva la fine. Non era una preda, non ero un predatore. Semplicemente un uomo e una donna. Tutti i miei pensieri, fantasie sui trans erano stravolti da questa realtà. E’ vero c’era il suo cazzo che sentivo scivolarmi addosso, ma tutto l’altro, anche la sua anima, erano di una donna. Non avevo voglia di venire ma lei sembrava quasi lo sapesse, perché mi portava a pochi passi dal piacere ma poi mi faceva scendere dolcemente, senza scosse, senza dolore psicologico. Da un comodino prese un preservativo e me lo mise su in un attimo, poi si sdraiò vicino a me e io mi persi un attimo. Ero inesperto, difficile per me pensare che potessi scoparla come una donna. Ma lei ripiegò le gambe. Mise un alto cuscino dietro i suoi glutei ed io intravidi la possibilità di penetrarla anche così. Il suo buco era aperto, pulsava come fosse una fica. Ci appoggiai la lingua e lei fu attraversata da una scossa. La sua mano sopra la mia testa mi teneva lì quasi avesse paura che scappassi. Non ne avevo l’intenzione. Cominciai a penetrarlo con la lingua e man mano che la mia saliva lo bagnava riuscivo ad entrare più in profondità. Lei contraeva lo stomaco e muoveva il bacino verso il mio viso. Iniziai con un dito, mentre leccavo le sue palle depilate. Poi due. Poi tre e lei rossa di eccitazione alzò la testa mi prese per i capelli e mi portò sulla sua bocca per un bacio che mi fece pensare che forse morire sulle sua labbra sarebbe stato bellissimo. Con la mano mi afferrò il cazzo e lo portò all’entrata del culo. Spinsi e centimetro dopo centimetro lo sentii entrare dentro di lei. Persi la testa e cominciai a montarla. I suoi seni e tutto il suo corpo si muovevano al ritmo dei miei colpi. Lo infilavo fino alla radice ed ogni volta che affondavo i miei coglioni sbattevano contro di lei. Continuai a montarla quasi con cattiveria, mentre sentivo sotto di me i suoi seni ed il suo cazzo duro e ormai umido del primo sperma che apriva la via. Era una posizione mai provata ma l’eccitazione era alle stelle. Lei cominciò a muovere velocemente la testa sul cuscino e ad accarezzarsi con una mano i seni, a stringersi i capezzoli, a graffiarseli. Con l’altra accarezzava il suo cazzo. Sentiì che stava per sborrare. Le scostai la mano lo presi io e dopo neanche due colpi vidi gli schizzi riempirle l’ombelico, la valle fra i seni e su su fino al suo viso. Urlò, si mosse come fosse impazzita, si spalmò lo sperma sul corpo, sul viso poi si leccò le dita. Stavo per venire. Lo tolsi dal culo e sfilai il preservativo. Sentivo che stavo quasi per svenire dal piacere ma la vidi muoversi come una gatta e afferrarmelo. Me lo strinse forte sbattendolo sul suo viso è sulla lingua che spuntava dalla bocca. Esplosi violentemente, denso e bollente, bianco il mio sperma la colpì in bocca, sul viso, sui seni. Lei continuò a masturbarmi quasi non le bastasse mai. Quando smisi di schizzare se lo mise in bocca e mi succhiò fino a farmi male. Ero distrutto, svuotato. Se fossi stato in piedi sarei caduto a terra e avrei perso i sensi. Ma lei mi tenne lì strusciandosi il mio cazzo sul viso e poi portandoselo in bocca: raccolse lo sperma sui seni e lo ingoiò. Tutto.

Autore: Angelica Vandini